POSIZIONI FAMILIARI ARMONICHE

 

posizarmo

“Ciascuno di noi fa parte di una famiglia con cui vive ed a cui è legato, che lo voglia o meno. Spesso continuiamo a ripetere conflitti e malesseri nelle nostre esperienze, oppure portiamo sulle spalle pesi che non ci appartengono. O anche, viviamo a nostra insaputa il tragico destino di un familiare, scomparso da tanto tempo e mai conosciuto. Tutte queste dinamiche ci legano in modo negativo alla famiglia, impedendoci di guardare in avanti con forza gioiosa e di avere successo nella nostra vita.”                                                                                                                              Bert Hellinger, fondatore del metodo di “Costellazioni familiari”

Il nostro workshop si basa sul constatare che ad essere ereditati  sono attitudini, dinamiche psicologiche, comportamenti, tramandati nelle famiglie,  generazione dopo generazione e che tali eredità stanno all’origine di tanti malesseri psichici e fisici.  Il nome “Posizioni Familiari” è la traduzione più precisa tratta dal termine originale del metodo, ossia dal tedesco “Familienstellungen”,  nonostante sia conosciuto e diffuso in Italia come “Costellazioni familiari”. E’ un metodo di guarigione energetica che agisce proprio sui blocchi familiari tramandati, nel tentativo di renderli consapevoli a chi li ha ereditati,  perché è solo attraverso la consapevolezza che possiamo risolverli e mettere la parola fine al protrarsi dei disturbi connessi.
Questo lavoro ci permette quindi di prendere consapevolezza di aspetti nascosti e condizionamenti, appartenenti all’inconscio familiare oltre che individuale. Una volta che il blocco viene riconosciuto, il livello di coscienza lo rielabora e lo assimila, permettendo la guarigione. Il metodo in questione viene definito “sistemico” perché prende in considerazione un sistema, nel caso specifico la famiglia, in cui il singolo individuo è importante in funzione di qualcosa di più grande, il sistema stesso. Nell’approccio familiare il singolo viene quindi considerato come parte di un gruppo e questo permette di individuare connessioni e legami con gli altri componenti della famiglia. In questo sistema vige un ordine che potremmo paragonare quasi a un karma familiare, per cui ogni torto fatto ad un antenato va compensato da un successore. Il cosiddetto “escluso” della famiglia deve essere, quindi, riscattato, difeso, riconosciuto. Sarà in particolare un componente della famiglia a identificarsi con lui/lei, magari ritrovandosi implicato in un destino molto simile o “costretto a una morte precoce”, che avrà il compito di compensare lo squilibrio. Quando gli Ordini dell’Amore per qualche ragione non vengono rispettati, subentrano problemi e conflitti a livello familiare.

Come si svolgono le sedute:
Le costellazioni familiari sono svolte principalmente in gruppo: uno o più soggetti si propongono per rappresentare la propria “posizione familiare”. Gli altri partecipanti si siedono a cerchio e fra di loro siede anche il facilitatore che ha il compito di aiutare i partecipanti a rilassarsi. Il facilitatore pone la domanda di apertura con cui focalizzare il tema di cui ci si vuole occupare. A seconda delle risposte il facilitatore orienta la sezione. Le parole in merito alla descrizione devono essere limitate a tutela della privacy e per evitare di appesantire la mente. Il conduttore invita il soggetto a scegliere, fra i partecipanti, un rappresentante di se stesso e del familiare coinvolto, antenato o contemporaneo. Una volta che i vari membri della famiglia sono stati posizionati, il soggetto siede accanto al conduttore. Di lì in avanti il soggetto rimane in silenzio a meno che non venga interpellato. I vari rappresentanti dei componenti familiari avvertono, a livello inconscio, sensazioni ed emozioni dei rispettivi membri della famiglia. E ciò avviene grazie al contatto con il loro campo energetico (secondo legge universale dell’attrazione). A quel punto è compito del conduttore portare avanti la “costellazione” intervenendo con spostamenti, interpellando i soggetti coinvolti nella messa in scena e via dicendo. Infine, capita che il diretto interessato venga invitato a inserirsi al posto del proprio rappresentante. Tutto questo ha lo scopo di riportare armonia ed equilibrio nella famiglia e nel singolo individuo che, in seguito, inizia un vero e proprio percorso di trasformazione energetica.

IMPORTANTE: i facilitatori escludono qualsiasi approccio di condizione religiosa ed ogni partecipante può lavorare sul proprio tema. Per questo il numero e limitato da minimo 10 a massimo 20.                                                                                                                                                                    Il seminario si svolge di sabato dalle 09.00 alle 18.30 circa con pausa pranzo  di un’ora, indicativamente dalle 13,00 alle 14,00.